DONNA
Renata Amigassi. Una donna a tutto gas ... ma ecosostenibile!
Scritto il 2013-11-11
da davidemercati
su
Interviste

Fonte: www.maranellokart.com

Ho conosciuto Renata qualche anno fa per motivi di lavoro presso gli studi Mediaset a Cologno Monzese. In mezzo a presentatori, attori, registi e cameramen c’era anche lei. Occhi verdi, luminosi e  trasparenti, una dolcezza affascinante, l’eleganza della hostess di una linea aerea di lusso. Gentilissima, alla fine del lavoro, mi ha ringraziato e salutato con un sorriso bellissimo. L’ho incontrata di nuovo qualche tempo dopo in un altro studio televisivo. Diverso taglio di capelli ma stessi occhi e stesso sorriso. E poi Facebook ha fatto il suo dovere ed ecco l’eco intervista. Dato che Renata è appassionata di guida sportiva scopriamo cosa fa per dare meno gas all’inquinamento …

D1) Ciao Renata, hai scaldato i motori per l’eco intervista? Sei pronta a dimostrare che in ecologia hai una marcia in più?
R1) Ciao Davide! E’ la mia prima “ECO” intervista e ho paura di non passare l’esame  !!!

D2) Beh! Vediamo… Come è nata la tua passione per i motori? Ce la racconti?
R2) Da quando ero bambina. Guardavo i Gran Premi in tv e poco più che adolescente (grazie ad un amico di famiglia) ebbi la fortuna di vivere la grande emozione di seguirne qualcuno ospite nei Box Ferrari. Erano i gloriosi anni di Lauda, Villeneuve, Scheckter, Arnoux, Piquet… Conservo ancora gelosamente le foto di quell’epoca irripetibile. Passione mai sopita ma mai coltivata attivamente fino a qualche anno fa, quando ho iniziato ad andare in kart.

D3) Nella tua giornata quali accorgimenti ecologici “metti in pista”?
R3) Me ne vengono in mente un paio. Uno è forse il più comune: una rigorosa raccolta differenziata dei rifiuti e da poco cerco di utilizzare le “eco” ricariche (detergenti/detersivi etc etc) che permettono di riciclare i contenitori di plastica più volte. Amo la natura e cerco di rispettarla come posso. Laddove è carente cerco di non sprecare acqua. Lo so, stai già pensando di tirarmi le orecchie  !

D4) Cosa pensi dell’uso eccessivo delle auto? Non pensi che dovremmo sostituirlo almeno in parte con mezzi pubblici e scarpe?
R4) In molti casi certamente si (con un potenziamento e miglioramento del trasporto pubblico!) anche se in altri penso che l’utilizzo dell’auto sia indispensabile.

D5) Cosa ne pensi del car-sharing?
R5) Bell’idea ma in pratica difficile da realizzare per varie ragioni fra cui la conseguente poca indipendenza di chi lo utilizza. Nel caso dell’affitto “ad ore” o “a giornata” lo trovo sensato ed economico ma anche qui solo se abiti in centro città e non hai bisogno dell’auto tutti i giorni.

D6) DOMANDA IMPERTINENTE. Quando proponi il CAR-POOLING ad altre persone come reagiscono?

1 – Accettano ma chiedono di scendere dopo pochi km per la paura della velocità

2 – Accettano ma solo a condizione che tu non guidi

3 – Non accettano perché, guarda caso, hanno sempre la bicicletta dietro l’angolo!!!

R6) La numero 1 per quanto riguarda mamma e sorella anche se ormai, alla mia guida “sportiva” ci sono abituate ed io, “invecchiando” , potendo sfogare la mia passione per la guida veloce, in pista e (soprattutto!) a causa degli autovelox, vado più piano. Beh…non sempre eh  ! Per gli amici…..credo che la maggior parte sia come me. La bicicletta la usiamo per fare sport (altra cosa che mi piace molto, oltre al Badminton!).

D7) Da esperta di motori quale modello di auto ecologica consigli?
R7) Più che da esperta ti posso dare un parere da appassionata che non vuole comunque rinunciare alla prestazioni. Ne parlavo proprio l’altra sera col mio amico  e pilota Mamo (mi viene in mente una canzone di Battisti “, quel gran genio del mio amico, con le mani sporche d’olio…. con un cacciavite in mano fa miracoli! “), una su tutte la Tesla …. magari la Roadster, elettrica, quindi ecologica ma…….potente!!!

 Voi che dite? Renata si merita una bella coppa per il gran premio dell’ecologia?


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2018 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018