DONNA
Che verdura che fa – Una mela al giorno…
Scritto il 2014-01-31
da Cristina Coppi
su
Eco Ricette

"Una mela al giorno toglie il medico di torno". Credo che tutti siamo cresciuti sentendoci dire questa frase dai nonni o dai genitori. E avevano ragione a dircela.
Originario dell’Asia Centrale, secondo gli storici la coltivazione del melo risale all'età della pietra, ad oggi sono più di mille le varietà di mele presenti in tutto il mondo.
Nel nostro paese le mele si possono trovare praticamente sempre: da gennaio ad aprile e da fine agosto a dicembre.
La mela è ricca di vitamine e di pectina, un polisaccaride che aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo e l’appetito, e a regolarizzare la funzionalità intestinale. Il che la rende indicata anche quando siamo a dieta e può essere consumata anche in caso di diabete.
Naturalmente ogni varietà di mela (fuji, stark, annurca, rossa, gialla, verde solo per citarne alcune) ha proprietà diverse: ad esempio, la varietà rossa contiene piruvato, sostanza che aiuta a sciogliere i grassi, la varietà verde è invece ricca di vitamina C e di antiossidanti.
Personalmente ne consumo tantissime da sole o centrifugate con altra frutta, oppure con le carote o con la menta e un po’ di zenzero.

Lo scorso mese di ottobre poi in Trentino ho avuto modo di mangiare il risotto alle mele, davvero squisito!
Ecco la ricetta:
Ingredienti (per 4 persone)
4 tazzine da caffè di riso (io uso il basmati)
1 quarto di cipolla
Burro oppure olio extravergine di oliva
1 mela
Brodo vegetale (1,5l)
1 bicchiere di Müller-Thurgau
Parmigiano Reggiano
Pepe nero

Far imbiondire la cipolla nell’olio o nel burro caldo. Una volta che la cipolla sarà appassita, versare il riso e farlo saltare per un paio di minuti in padella. Aggiungere la mela sbucciata e tagliata a pezzettini piccoli, versare il vino bianco e lasciarlo sfumare. Una volta che il vino sarà sfumato, aggiungere il brodo vegetale, un po’ alla volta, fino a quando il riso non sarà cotto. A fine cottura aggiungere il Parmigiano Reggiano e, per chi lo vuole, una spruzzata di pepe nero. Il risotto è pronto per essere servito.
PS: esiste una variante con lo speck, il procedimento è lo stesso, basta aggiungere lo speck prima di aggiungere le mele.


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2021 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018