DONNA
La Pigrizia
Scritto il 2014-09-19
da Cristina Coppi
su
News

GreenMind ospita un post di Vestitaacipolla (potete trovarla su Twitter @vestitaacipolla). Buona lettura!

Quando c'è da sfoderare il nostro bel dito medio, di solito il destro, per augurare al nostro interlocutore le "migliori " cose, siamo veloci e precisi, siamo maestri e atleti in quello, non ci stanchiamo mai.
Al contrario, se dobbiamo usare suo fratello l'indice per scopi diversi che non siano la pulizia del naso o l'indicare per strada una che inciampa nei tacchi, ma che invece serva per "salvare il pianeta", ahi noi, allora la pigrizia prende il sopravvento.
Per esempio è "difficile" per noi spegnere le luci di una stanza ogni volta che ne usciamo, preferendo pagare una bolletta salata piuttosto che far andare il santo ditino sull'interruttore.
Sembrava che l'idea del secolo fossero le lampade coi sensori di presenza che si accendevano quando si entrava in una stanza e si spegnevano quando ne uscivamo, peccato poi di aver capito che alla fine, dopo vari esperimenti falliti, vengano utilizzate solo nei peggiori bagni dei peggior hotel perché oramai le avevano installate e costava troppo la sostituzione.
Quindi, quando ti ritrovi nei famosi peggiori hotel, con la vescica piena che non riesci neanche a respirare, ti abbassi a rallenty i pantaloni, poi gli slip, stai per "centrare il buco" e la luce si spegne non avendo più registrato nessuno movimento tu, maledicendo il risparmio energetico e non vedendo più niente, ti riduci a pisciarti sulle scarpe.
La genialata del sensore a presenza è stata una pessima invenzione, come quella dell' accensione col battito delle mani, ma noi continuiamo a sperimentare all'infinito una soluzione piuttosto che fare click con la falange!

Oramai le vecchie lampadine alogene sono fuori commercio da oltre un anno. Le nuove lampadine in commercio sono sicuramente più efficienti e a minore consumo energetico. Quando le spese quotidiane della nostra casa aumentano bisogna ingegnarsi per cercare di risparmiare sui consumi. Ci sono ottime tariffe, come l'ultima tariffa di Enel Energia, ma per abbassare i costi della bolletta della luce la prima cosa da fare è proprio quella di verificare se il tipo di illuminazione presente in casa è quella più giusta. Innanzitutto le vecchie lampadine a incandescenza vanno sostituite con lampadine a basso consumo energetico, che siano quelle fluorescenti o quelle a led. Poi bisonga scegliere la giusta luce per ogni ambiente prediligendo per il soggiorno e la camera da letto un’illuminazione tenue, mentre in altre zone della casa vanno creati dei punti luce puntuali per la lettura.  Fondamentale, quindi, sistemare in casa le luci adatte, secondo le funzioni di ogni stanza. Ci sono vari tipi di lampadine a Led: di classe A, A+, A++, in base al loro consumo energetico (le  classi energetiche sono sette: fino alla E). Rispetto alle vecchie lampadine alogene quelle a led consumano fino all'80% in meno e la loro durata si può stimare in circa 25.000 ore. Le lampadine led oggi disponibili in commercio sono di vario tipo,  tra le quali la quella a luce bianca brillante, che è la più indicata per gli ambienti domestici. Ne esistono da 1 a 15 Watt. Un altro vantaggio delle lampadine a Led è la loro durata nel tempo: dopo oltre 50.000 ore di utilizzo una lampadina led ancora mantiene la maggior parte della sua luminosità ed inoltre la luce a led è subito luminosa appena la si accende perchè non necessita di alcun tempo di avvio.

Casa - Comunicablog

In un periodo in cui tutti inseguono il benessere del proprio organismo ma rischiano di perdere il benessere economico, c'è chi riesce a salvare capra e cavoli e ad aiutare anche la'mbiente ... Sette minuti al giorno di scale migliorano la qualità della vita e fanno risparmiare energia. I dipendenti della Sede dell’ENEA di Roma hanno aderito alla campagna promossa dall’Unità Efficienza Energetica dell’ENEA, in collaborazione con la Fondazione S. Lucia IRCCS di Roma,  dal titolo“No lift days - Giornate senza ascensore”. Non utilizzeranno l’ascensore aziendale nell’orario di lavoro per ben tre mesi. In questo periodo i partecipanti saranno osservati da ricercatori della Fondazione S. Lucia per verificare gli effetti positivi dell'iniziativa su parametri cardiovascolari e forza muscolare degli arti inferiori. Allo stesso tempo saranno monitorizzati i risparmi energetici. Il consumo medio di una corsa in ascensore è di circa 50 Wh, equivalente al consumo orario di due  lampadine. E' un risparmio energetico importante e facilmente ottenibile se si considera che l’Italia è al primo posto al mondo per il numero di ascensori installati: circa 850.000, con un consumo annuo di 2.000 GWh,  pari al consumo energetico di una città  come Pisa. La sperimentazione è accompagnata anche da una newsletter quotidiana sul tema del risparmio energetico con consigli, spot, quiz e giochi a premio, racconti, foto, ecc. In prossimità degli ascensori sono collocati cartelli che invitano all’uso delle scale. L’ENEA presenterà i risultati della sperimentazione alla fine della campagna e presentarla come modello da applicare anche in altre amministrazioni pubbliche.  

Società - Greenmind

M’illumino di Meno, festa del Risparmio Energetico via radio lanciata dalla trasmissione Caterpillar, in onda su Radio2 ogni giorno alle 18:00,  invita ogni anno gli italiani a spengere simbolicamente lampadine e led di ogni tipo. Quest'anno giunge alla nona edizione, con qualche novità. In questo 2013 M'illumino di meno concide infatti con una delle campagne elettorali più accese e spettacolari della nostra storia. Coincidenza di non poco conto che ha spinto M’illumino di meno e tutti i suoi sostenitori a scendere in campo per un nuovo miracolo italiano (Non quello promesso diverse volte da Berlusconi!!!): la lotta contro lo spreco e la stesura di un’agenda che tenga nel giusto conto le tematiche ambientali e le loro ricadute anticrisi. Una vera e propria parodia con slogan, comizi elettorali, manifesti, schede elettorali e kit per il candidato, per permettere all’attivista “illumenista” di dare un contributo alla politica del Paese. Caterpillar e CaterpillarAM invitano gli ascoltatori a contribuire a una campagna elettorale alternativa, coniando slogan che sintetizzino il decalogo del risparmio energetico. Slogan come “Yes we spegn”, “Il contatore è mio e me lo gestisco io”, “Rottama lo spreco” o “Liberté, égalité, risparmieté” aiuteranno quindi a promuovere le buone pratiche di: 1. razionalizzazione dei consumi energetici e riduzione degli sprechi 2. produzione di energia pulita 3. mobilità sostenibile (bici, car sharing, mezzi pubblici, andare a piedi) 4. riduzione dei rifiuti (raccolta differenziata, riciclo e riuso, attenzione allo spreco di cibo) A tutto ciò si affianca il solito invito ad aderire al simbolico “silenzio energetico” il 15 febbraio 2013 dalle ore 18 spengendo monumenti, piazze, vetrine, uffici, aule e private abitazioni.

Società - Greenmind


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2017 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018