DONNA
Che verdura che fa – Il fiore del cavolo
Scritto il 2014-10-22
da Cristina Coppi
su
Eco Ricette

Ottobre, arriva l’autunno, quanto meno il calendario dice così, anche se qui a Roma la temperatura è ancora alta. Ma nonostante il caldo, in questo periodo dell’anno riprendo a fare le zuppe.
E in effetti tutta la verdura di questo periodo si presta ad essere consumata come zuppa.
Una di quelle che mi piace di più è con il cavolfiore. Come il broccolo, il cavolfiore appartiene alla famiglia delle brassicacee, e lo troviamo per tutto l’autunno e l’inverno e parte della primavera: più o meno da ottobre ad aprile.
Il cavolfiore è noto per le sue proprietà antietà per il notevole contenuto di antiossidanti, inoltre è ricco di vitamine A e C, e di potassio.
E’ usato nelle diete, come tutte le verdure, per l’apporto di fibre e per le proprietà sazianti, inoltre è un aiuto contro il colesterolo e la glicemia. Consumato in zuppe o minestre è un alimento depurativo per il fegato e l’intestino. Per l’alto livello di azoto è sconsigliato a chi soffre di gotta o di iperuricemia.

Come dicevo il cavolfiore a me piace in tutti i modi (OK, è vero lo dico sempre: è solo che mi piace la verdura, tutta, lo ammetto), però in assoluto mi piace cucinato in zuppa. Ecco di seguito ingredienti e ricetta per 4 persone
1 cavolfiore da 800 grammi
Patate (800 grammi)
Olio extravergine di oliva 3 cucchiai
Sale q.b.
Peperoncino q.b.
Aglio (uno spicchio)
Cipolla o porri q.b.
Brodo vegetale o acqua (dipende dal gusto, nel caso si usi il brodo vegetale il sale non serve, è già nel brodo ) 1litro circa

Lavare e tagliare il cavolfiore, pelare le patate e tagliarle a pezzetti. Far scaldare in una pentola l’olio, aggiungere una volta caldo, l’aglio e poi la cipolla o il porro. Quando saranno dorati, versare nella pentola il cavolfiore e le patate. Far insaporire con il peperoncino. Aggiungere poi l’acqua (o il brodo vegetale) e lasciar cuocere per mezz’ora/quaranta minuti.
A fine cottura, si può passare la zuppa nel mixer fino a farla diventare una vellutata e aggiungere del formaggio grattugiato.


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2021 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018