DONNA
A fior di pelle - Da una riserva protetta, un olio che ci protegge
Scritto il 2015-01-25
da Cristina Coppi
su
Consigli

Fonte: Wikipedia

C’è un albero in Africa, nel sud ovest del Marocco, prezioso per il mantenimento della biodiversità della zona, e allo stesso tempo prezioso per i suoi semi dalla cui spremitura si ricava uno degli olii più pregiati per la cura della pelle e dei capelli.
Si tratta dell’olio di argan, che deriva dalla spremitura dei semi della pianta Argania spinosa. Alla fine degli anni 90 l’area del Marocco in cui questa pianta cresce è stata definita dall’UNESCO Riserva della biosfera. Da allora nella zona le cooperative che ci lavorano si occupano della raccolta dei frutti degli alberi assicurandone però la riforestazione.
Ricco di Vitamina E, Vitamina A, Vitamina F, Acidi grassi essenziali, acido linoleico, Omega 3 e Omega 6, l’olio di argan è un vero toccasana per la pelle, per le unghie e per i capelli.
E’ un ottimo idratante e protegge la pelle dai segni del tempo, aiuta la rigenerazione cellulare (è quindi un rimedio contro le scottature e le rughe) e ha proprietà anti fungine. Inoltre protegge la pelle da tutti quei fattori che la danneggiano come il sole, il fumo, l’inquinamento. Se usato sui capelli ne aumenta la morbidezza e li rafforza anche dopo l’esposizione al sole o alla salsedine. Anche per le unghie è un ottimo rinforzante. Io lo uso sotto la doccia dopo la piscina sia sui capelli che sul corpo e devo dire che è un vero piacere.

Alimentazione sana è sinonimo di prodotti naturali: da questo connubio perfetto nasce la certezza di benessere e salute ottima. Bastano poche e semplici regole da seguire giorno dopo giorno per mantenere l'organismo in forma e, come spesso accade, è proprio dalla natura che arriva l'aiuto più grande. Prodotti lavorati e molto elaborati, trattati con sostanze in grado di intaccare l'equilibrio del sistema gastrointestinale o semplicemente troppo pesanti possono danneggiare a lungo andare la salute del corpo: diventa dunque di fondamentale importanza imparare a scegliere alimenti naturali, ecocompatibili e provenienti da colture che vivono in armonia con l'ecosistema circostante per una maggiore tutela dell'ambiente, rispettando la natura stessa e le generazioni future che ne coglieranno i frutti. Cibi di stagione, freschi e biologici significano soprattutto assenza di conservanti, eccipienti e aromi artificiali, creati attraverso lavorazioni chimiche che a lungo andare intaccano l'organismo e la natura: ecco dunque l'importanza di fare affidamento su marchi che hanno fatto dell'ecosostenibilità un vero e proprio marchio di fabbrica. Aboca è tra le aziende che ha fatto dei suoi pilastri proprio l'unione del benessere fisico con quello dell'ambiente circostante, ricordando come solo in un ambiente sano è possibile salvaguardare la salute. Prodotti 100% naturali, in grado di coniugare naturalità e ricerca scientifica più evoluta, diventano dunque la chiave di volta per mantenersi in forma e vivere bene. Combinando agricoltura e produzione farmaceutica per i propri prodotti a base di complessi molecolari vegetali, Aboca mette a disposizione del benessere i risultati delle ricerche scientifiche più all'avanguardia; coltivando oltre 1000 ettari di terreno tra le verdissime Toscana e Umbria, l'azienda sfrutta un regime di agricoltura biologica secondo il vigente Regolamento Europeo. Garantendo il rispetto dell'ambiente, il marchio italiano primo nel settore tutela l'ambiente e promuove un sano e corretto stile di vita, a partire proprio da un'alimentazione naturale integrata con prodotti che mantengono nel tempo il proprio benessere. Sponsored by Aboca

Salute - Comunicablog

Storia antica e leggendaria, quella del mandorlo. Ne sa qualcosa Giuseppe, sì proprio lui. Raccontano i Vangeli Apocrifi che fu scelto come sposo di Maria perché l’albero a cui aveva legato il suo asino fiorì improvvisamente. Era un mandorlo, naturalmente. Proveniente dall’Asia, il mandorlo fu introdotto in Europa dai Fenici. I Romani lo chiamavano “noce greca”. Successivamente si è diffuso in tutti gli altri Paesi affacciati sul Mediterraneo. Il frutto è prezioso, ma ancora di più lo è l’olio che si ottiene dalle spremitura a freddo dei frutti: l’olio di mandorle dolci, forse l’olio più conosciuto e più usato per il trattamento e la cura della pelle, normale e sensibile. L’olio di mandorle dolci è sicuramente uno degli oli che preferisco perché si presta a tantissimi usi, si trova facilmente in tutte le erboristerie e nei negozi dedicati al benessere naturale. Lo si può trovare puro o con aggiunta di tocoferolo (vitamina E), che serve a proteggere l’olio dall’irrancidimento e ha notevoli proprietà antiossidanti. Come dicevo l’olio di mandorle può essere impiegato senza timore per qualsiasi tipo di pelle, persino quelle più sensibili, questo perché le sue proprietà lo rendono adatto a tutti, anzi è vivamente consigliato l’uso in caso di dermatiti o in caso di varicella o morbillo. Ricco di vitamine A e B l’olio di mandorle è usato per prevenire l’invecchiamento cutaneo e le smagliature. Se non si soffre di pelle grassa, può essere usato al posto del latte detergente per rimuovere il trucco e le impurità dalla pelle del viso. Usato sui capelli ne previene la disidratazione causata da vento, salsedine, cloro ecc, inoltre è un ottimo aiuto per la piega. Se assunto per via interna sembra sia utile in caso di stipsi, sia dei bambini sia degli adulti. Infine è un ottimo balsamo per le labbra per prevenire le screpolature da freddo e usato sulle unghie contribuisce a rafforzarle ed è utile per il trattamento delle cuticole. C’è una sola raccomandazione da seguire: se l’olio acquistato è puro può irrancidire facilmente se esposto alla luce o al calore, è perciò raccomandabile conservarlo in frigorifero quando fa caldo e se è possibile conservarlo in bottiglie di vetro scuro. Tutto qui? No, perché c’è qualcosa che va al di là dei consigli e degli usi pratici, è quel senso di poesia, di profondità, di sensualità che evoca il mandorlo, con i suoi fiori, i suoi frutti, i suoi colori. Forse per questo il suo è molto più di un olio, è un mondo. Ps. Andando fuori tema ma restando in argomento,se vi capita leggete La Mandorla, un libro di Nedjma. E’ bellissimo.

Società - Greenmind

Il suo nome deriva dal latino. Ed ha un significato specifico. Per i Romani la calenda era il primo giorno del mese, da qui il termine calendario e calendula. Questa pianta officinale fiorisce una volta al mese per tutta l’estate e appartiene alla specie delle asteracee. Ne ho sentito parlare a lungo perché era la base di alcuni unguenti che si usavano per proteggere le mani dal freddo, ma devo dire che l’ho usata recentemente anche per un problema chiamato idrosadenite, un’infiammazione delle ghiandole sudoripare. E per me è stata una vera manna perché ha ridotto il dolore, il gonfiore e il rossore sotto le ascelle. La calendula è usata appunto per la realizzazione di creme, tinture, unguenti o impacchi (mi raccomando controllate l’INCI, se ci sono ingredienti derivati dal petrolio, se potete, evitate di prenderla e cercate un unguento o una crema con ingredienti naturali). Ma può essere utilizzata anche in infusione e assunta come tisana. Ha proprietà lenitive, anti-infammatorie e anti-microbiche. La crema o l’unguento possono essere usati, appunto, per proteggere le mani delle screpolature dovute al freddo (e in questi giorni serve tantissimo!). Mentre se la assumiamo come tisana può essere un aiuto per la protezione dello stomaco e per la regolarizzazione del flusso mestruale. Una curiosità: in cucina la calendula è usata spesso come sostitutiva delle zafferano, proverò ad usarla la prossima volta che preparerò un risotto o un piatto di pasta, vi terrò aggiornati. Stay tuned!

Società - Greenmind


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2017 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018