DONNA
“C’è pizza su Marte?”. E' questo il grido con cui il comico Diego Parassole e il paroliere Ricardo Pifferi ci catapultano in una esilarante situazione surreale di battute e giochi di parole sul mondo del cibo, nel nostro presente e nel nostro futuro. Un argomento serio affrontato con la leggerezza provocatoria tipica di chi ha una mente tagliente e ironica, proprio come Diego dimostra di avere sia sul palco che fuori. Ma Diego non fa solo numeri di spettacolo. I numeri li fa davvero. E statistici. Che aiutano insieme a profonde riflessioni truccate da sorrisi a capire meglio quello che mangiamo o pensiamo di mangiare. Come spiega Andrea Segré nella sua postfazione: “Ecco il punto: noi non sappiamo cosa mangiamo. E in fondo Diego Parassole, come tutti i comici seri (ossimoro su cui invito a riflettere), ci parla proprio di questo. Nel senso che, facendoci ridere, talvolta amaramente (altro ossimoro), ci informa e ci fa riflettere sul cibo. Una delle parole più abusate e aggettivate dei nostri tempi, soprattutto adesso che si avvicina Expo 2015 […]”. Spaziando dalla margarina al latte artificiale, dal mais transgenico agli insetti, dai biocarburanti alle speculazioni finanziarie sui prodotti alimentari, i due incontenibili autori affrontano il tema del cibo e quello della sostenibilità coadiuvati dagli stimolanti approfondimenti bibliografici curati da Donato Ramani. Una leggerezza, quella di Parassole e Piferi che si sposa felicemente con quella della casa editrice Scienza Express che propone, come illustrato nel suo manifesto, una visione fresca della conoscenza scientifica, oggi più che mai necessaria per partecipare attivamente alla vita democratica. Il tutto attraverso iniziative che spaziano dai libri al teatro e sono concepite anche per un pubblico curioso e non specialistico. All you can eat - mangiare meglio oggi per non stare a dieta domani di Diego Parassole e Riccardo Piferi Scienza Express edizioni € 14,00

Libri

Gas per i fornelli, elettricità per il forno, acqua in grandi quantità e tanti scarti e avanzi di cibo. Tanti. Questi gli ingredienti per la ricetta perfetta a scapito dell’ambiente. Con il risultato che la Natura rischia di finire “fritta”! Ma come ridurre l’impatto del nostro modo di cucinare? Prima di tutto ricordiamoci di usare i coperchi delle pentole e magari anche di cuocere più cose contemporaneamente nel forno e di lavare piatti e stoviglie con l’acqua recuperata dal lavaggio delle verdure e dalla cottura della pasta. Ma grazie ai consigli e alle ricette contenuti in LA CUCINA A IMPATTO (QUASI ZERO) di Lisa Casali e Tommaso Fara edito da Gribaudo sarà possibile cucinare in maniera sostenibile senza rinunciare al gusto e ai bei impiattamenti. Il libro contiene numerose ricette suddivise secondo le 4 stagioni in modo da sfruttare le stagionalità dei vari ingredienti vegetali e ridurre l’impatto ambientale causato dall’acquisto di prodotti di serra o di importazione. In questo modo possiamo infatti acquistare cibi a km zero e la cui maturazione è dettata dal ciclo della natura. Non dimentichiamoci però anche l’importanza crescente di scegliere prodotti biologici certificati. Dai consigli sui procedimenti di cottura eco, alle modalità di acquisto meno impattanti, all’autoproduzione e agli stili di vita alimentari green il libro fornisce  davvero suggerimenti utili per contribuire a salvaguardare l’ambiente. Ma soprattutto insegna a recuperare cose che oggigiorno finiscono nell’immondizia e che invece possono rivelarsi ingredienti preziosi per ricette sane e gustose. Volete degli esempi? La parte bianca degli asparagi per fare delle mousse, pane raffermo per budini, foglie esterne di lattuga per spiedini e baccelli di piselli come contorno, bucce di zucca per la parmigiana e molto altro ancora. Questi consigli permettono anche di risparmiare soldi che possiamo investire sulla qualità dei cibi stessi che acquistiamo dando il nostro contributo al successo di quelle aziende agricole che si impegnano nella produzione di verdure e frutta biologiche.

Libri

Sveva Sagramola, nota autrice e conduttrice di programmi tv (uno tra tutti lo storico Geo&Geo) nonché regista e documentarista si é cimentata anche  nella scrittura di un libro dedicato al tema dell'ecologia e della sostenibilità. È così andato in stampa SECONDO NATURA-Impariamo a vivere bio, edito da Rai Eri e Mondadori al prezzo di € 17,00. In poco più di 130 pagine Sveva fornisce consigli per mangiare cibo più sano e sostenibile, usare prodotti cosmetici naturali e detersivi meno nocivi, privi di sostanze chimiche tossiche e dannose per la salute e l'ambiente. Non mancano i consigli per viaggi e vacanze eco, nel rispetto dell'ambiente e delle popolazioni autoctone e su come abitare e cucinare in maniera eco. E da buona mamma non rinuncia a dispensare suggerimenti per  crescere i figli in base a valori orientati al rispetto dell'ambiente e delle preziose risorse del pianeta. Leggendo questo libro si può scoprire come vivere secondo natura  non faccia bene solo all'ambiente e alle nostre tasche ma anche alla nostra salute e alla nostra felicità. P.S. Alla fine del libro Sveva ci svela anche piccoli segreti culinari con diverse ricette semplici e dai sapori naturali. Vivere secondo natura perché la natura non è seconda a nessuno...

Libri

Vago per i corridoi della mia libreria preferita e sbam! Mi imbatto in un libro curioso e divertente: Storia dell'immondizia - dagli avanzi di mammut alla plastica riciclabile. Autore Mirco Maselli, Editoriale Scienza, € 7,90. Un libro apparentemente per bambini ma che ai miei occhi di adulto è apparso ricco di spunti di riflessione e di curiosità divertenti e interessanti. Scritto con un stile semplice e brioso questo libro corredato da illustrazioni divertenti ci permette di fare un viaggio nella storia dell'immondizia dall'uomo primitivo a quello moderno. Perché si, quello dei rifiuti è un problema che prima di riguardare i nostri condomini interessava già le caverne preistoriche, per poi accompagnare la storia dell'uomo in tutte le sue ere: antica Roma, Medioevo, Rinascimento, per non parlare dell'era della Rivoluzione Industriale. Le prime civiltà a occuparsi del problema dei rifiuti? Secondo gli archeologi dovrebbero essere stati i Greci dell'isola di Creta. La discarica più antica è infatti quella di Cnosso che risale al 3.000 a.C. I cretesi scavarono un pozzo che riempirono di immondizia per poi ricoprirlo. Insomma, un po' come facciamo ancora oggi.  In pochi anni ne scavarono oltre 300. Ma forse furono gli antichi romani a gestire in maniera più organica il problema dei rifiuti. Nel 616 a.C. cominciarono a costruire la Cloaca Maxima che aveva 600 metri di tunnel a tratti persino navigabili e che secondo lo storico Tito Livio "raccoglieva tutta la sporcizia di Roma" che purtroppo però finiva nel Tevere. Vi pare che sia cambiato qualcosa? Il libro, in modo molto ironico, ci aiuta a capire che quello delle discariche e dei rifiuti è una problematica antica e purtroppo molto attuale. E' uno strumento che potrebbe essere utilizzato nelle scuole elementari e medie per sensibilizzare i bambini ai temi dell'ecologia. Poi ci penseranno loro a convertire noi adulti in spazzini acculturati e dall'animo ambientalista...

Libri

«La natura è irriducibile. Possiamo sottoporla a ogni genere di oppressione, assoggettamento, rimozione: sortirà, sbucherà, rinascerà da dove meno ce lo aspettiamo. Le piante spontanee di città sono un mistero e sono un presagio». Dall’introduzione di Michele Serra. La forza della natura non si ferma nemmeno di fronte a cemento, pietre e terre incolte. Le piante crescono spontaneamente anche in città e si adattano popolando muri, bordi delle strade e recinzioni. Eppure molto spesso le trascuriamo e calpestiamo involontariamente senza sapere che quelle che chiamiamo “erbacce” possono essere in realtà piante medicinali ricche di proprietà utili per la salute e di caratteristiche affascinanti. Ed è proprio per imparare a riconoscere le piante spontanee di città, spesso invisibili ai nostri occhi, che nasce Botanica urbana, il libro guida  di Fabrizio Zara, con introduzione di Michele Serra. Il libro verrà presentato il 6 luglio presso il MUSE di Trento durante il festival A Seminar la Buona Pianta che si terrà in Vallarsa dal 30 giugno al 6 luglio e che avrà come protagonisti la natura, la musica e la cultura per una settimana d’incontri, passeggiate e workshop sulle piante www.labuonapianta.it Questo libro-guida, scritto in maniera semplice e tecnica allo stesso tempo, è adatto per ogni età. Con schede descrittive semplici  e corredate di fotografie, illustra in modo agile i caratteri essenziali per l’identificazione delle più comuni piante medicinali in ambiente urbano e ci apre la strada ad una splendida  avventura sulle “nostre vie” da fare con tutta la famiglia. Con occhio attento e sensibile, armati di curiosità e voglia di sorprenderci,  questa guida ci invita a cercare lungo i muri, i marciapiedi, le rotatorie stradali la presenza di una natura irriducibile ma troppo spesso, purtroppo,  dimenticata. Seguirà, dopo la presentazione, la passeggiata alla ricerca delle piante che crescono spontaneamente tra le strade di Trento. A guidare la passeggiata sarà lo stesso Fabrizio Zara, autore del libro, esperto di flora medicinale e responsabile della ricerca botanica nonché curatore del giardino medicinale di Aboca. Conoscere il mondo nascosto delle piante urbane ci farà scoprire che non c’è bisogno di essere un botanico per accorgersi di quanto è potente la natura e per farla entrare nella vita di tutti i giorni, magari proprio mentre passeggiamo per le vie della nostra città. Botanica Urbana - Aboca edizioni - € 5,00

Libri

Secondo i dati dell’Istat, nel 2012 l’economia "al nero" ovvero sommersa, illegale e informale, potrebbe aver raggiunto l'incredibile cifra di 350 miliardi di euro. In questa porzione losca del nostro sistema produttivo rientra sicuramente anche tutta l'economia "tossica" delle eco mafie, legata alle attività di smaltimento illegale di rifiuti e scarti industriali come descritto da Roberto Saviano nel suo Gomorra riferendosi alle azioni camorristiche in Campania. Alla cosiddetta Economia Non Direttamente Osservabile (ENDO) è dedicato lo studio di Alfonso Marino sul “Prodotto Interno Losco”, pubblicato nella collana Effetto Farfalla e disponibile sia in versione cartacea che in e-book. Il libro contiene un Glossario utile per capire i termini del linguaggio economico, compresi i famigerati e misteriosi ”derivati”, e anche dei suggerimenti bibliografici di approfondimento. L’economia sommersa rappresenta una quota importante del PIL e in Italia arriva a livelli molto più alti che in altri paesi europei eccezion fatta per la Grecia. Don Tonino Palmese  dell’associazione Libera,  nella prefazione al libro scrive che la riflessione di Alfonso Marino è molto interessante perché l’economia “Endo” è quella di chi «illegalmente agisce nei territori, intrecciando sia fenomeni di evasione e corruzione, sia attività criminali. Un’economia sommersa e criminale, che avvinghia nella rete dell’illegalità un esercito di famiglie e ragazzi: assoldati nel mercato nero della precarietà, dell’assenza di diritti, della fedeltà al clan. Esposti alla morte per gioco o per sopravvivenza, abituati al carcere come condizione ordinaria della propria esistenza».  Titolo: Prodotto Interno Losco. Indicatori, sostenibilità, crescita: ENDO, l'Economia Non Direttamente Osservabile Autore: Alfonso Marino Collana: Effetto Farfalla Prezzo: edizione a stampa € 7,00 - PDF € 4,50 Link consigliato: http://www.educazionesostenibile.it/   

Libri

“Le tecnologie delle fonti rinnovabili di energia”, libro edito dai tipi del Il Sole 24 Ore, in collaborazione con ENEA e E.ON, è curato da Pietro Maria Putti, sub-commissario dell’ENEA, e da Oreste Bramanti, direttore Energie Rinnovabili di NIS Gazprom Neft. Una trattazione sulle tecnologie per le fonti rinnovabili (solare, eolico, geotermico, idroelettrico e biomasse) realizzata con il contributo di molti ricercatori ENEA e che rappresenta un utile strumento di guida sulle politiche energetiche locali per i decisori pubblici.La crisi economica imperversa ma il settore delle rinnovabili gode di buona salute in tutto il mondo e l’Italia, dove oltre 100 mila persone sono impiegate in questo settore, nel 2010 è diventata il primo mercato mondiale nel fotovoltaico con 9,3 GW installati, grazie anche agli incentivi che hanno spinto la domanda. Una politica energetica più sensibile alla ricerca nel settore delle rinnovabili può favorire una maggiore capacità di offerta interna, così come in altri Paesi europei, e portare alla nascita di nuove figure professionali e lo sviluppo di filiere produttive altamente tecnologiche. Esistono comunque settori in cui l’Italia vanta eccellenze come ad esempio nel solare e nel bioetanolo di ultima generazione, sviluppati proprio dall’ENEA.

Libri

Un mondo post apocalittico. Una misteriosa catastrofe ha trasformato la terra in un deserto. Tutto è bruciato. Strade, fiumi, terre sono coperte di cenere. Non esistono più risorse, gli alberi ridotti a scheletri carbonizzati, gli animali estinti. In un mondo senza più civiltà e Natura, i pochi esseri umani sopravvissuti hanno perso la loro natura umana. Ridotti a barboni senza scrupoli, dall'egoismo estremo, lottano l'uno contro l'altro per la sopravvivenza, per un po' di cibo in scatola, per una coperta lurida, per un paio di scarpe sfonde. Il cannibalismo non è tabù. Ma è davvero tutto perduto in un mondo dove la morte è una liberazione? Un padre e un figlio attraversano monti e distese sotto piogge e nevicate incessanti, con le loro poche cose, trasportate con un vecchio carrello. Portano con loro qualcosa di molto importante, raro e prezioso che illumina fievole il grigio mondo senza speranza in cui sono dispersi. La scintilla dell'amore e della generosità brilla ogni giorno più forte nel cuore del bambino, protetto dal padre come un uomo primitivo protegge il suo "fuoco", disposto a diventare sempre più cinico (Mors tua, Vita mea) giorno dopo giorno, fino alla fine. Da questo libro vincitore del premio Pulitzer 2007 è stato tratto "The Road" film di John Hillcoat del 2009 con Viggo  Montensen e Kodi Smit-McPhee che interpretano padre e figlio. Autore: Cormac McCarthy

Libri

Permacultura è il neologismo che nasce dalla fusione di Permanent e Agriculture. Agricoltura Permanente. Una disciplina che insegna a progettare e realizzare orti, balconi, aziende agricole, insediamenti umani e giardini partendo dall’osservazione degli ecosistemi locali. Lo scopo è realizzare  sistemi di produzione eco sostenibili, con basso consumo energetico, che partano dall’osservazione dall’eco sistema ed effettuino cambiamenti minimi ma finalizzati alla massima resa, nel pieno rispetto delle risorse disponibili. Questa disciplina è di carattere essenzialmente pratico, facile da applicare. Il libro Permacultura per tutti vi aiuterà a scoprire una strada interessante per andare oltre l’agricoltura biologica, per curare la Terra e guarire il Pianeta. Dove? Proprio nel vostro giardino! La permacultura è infatti alla portata di tutti e rappresenta una vera alternativa all’attuale modello di sviluppo economico e produttivo che ha originato un sistema agro-alimentare che consuma dieci calorie di energia per produrre una sola caloria di cibo. L’antitesi dell’efficienza e della sostenibilità!!! Un modello che sfrutta senza razionalità e parsimonia carbone, petrolio e gli altri combustibili fossili come se fossero fonti inesauribili. Il libro permette di compiere importanti passi verso una necessaria inversione di marcia. L’autore, Patrick Whitefield, agronomo inglese vissuto a contatto con la Natura, è uno dei più importanti esperti di Permacultura in Europa. Ha scritto diversi libri sul tema dell’eco sostenibilità ed è Direttore responsabile della rivista Permaculture. Protagonista del movimento ambientalista conduce anche trasmissioni televisive della BBC sul tema dell’ecologia come It’s not Easy Beeing Green e A Farm for the Future. La prefazione al libro è di Saviana Parodi, presidente dell’Accademia Italiana di Permacultura. Io intanto mi sono già messo a studiare … e voi? Autore: Patrick Whitefield -  Edizioni: Terra Nuova - Pagine: 212 - Prezzo: € 10,5

Libri

Un pizzico di ironia, sarcasmo quanto basta, una bella manciata di impegno civico a favore dell'ambiente e tanta passione per la bicicletta. Questi gli ingredienti della ricetta di Alberto Fiorillo alla base del suo libro NO BICI. Giornalista romano, portavoce di Legambiente, ha iniziato ad andare in bicicletta dopo aver perso la sua vecchia auto. Pedalando pedalando ha apprezzato i vantaggi delle due ruote senza motore rispetto all'uso della macchina: più movimento, più salute, più risparmio, meno stress da traffico e meno tempo perso a cercare parcheggio. Il suo libro è un vero trattato a favore della bicicletta, celebrata con uno stile di scrittura frizzante e leggero ma in grado di far capire  in maniera divertente come cambierebbero le città, le nostre vite e l'ambiente se magicamente ci trasformassimo tutti in centauri a pedali. Di ciclisti ce ne sono molti e Fiorillo li passa in rassegna e ne tratteggia in modo spassoso i tratti comportamentali. Come ad esempio il ciclista della domenica che indossa abbigliamento tecnico stile film di fantascienza anni '70, carica la bici nel SUV, percorre 30 o 40 km di strada per raggiungere una bella zona di campagna producendo quantità cinesi di Co2, per  poi fare pochi km di sali e scendi in mezzo a foglie secche e pozzanghere che lo trasformano, nell'aspetto, in un lagunare dell'esercito.  NO BICI fa riflettere anche sul fatto che le nostre città, a parte rare eccezioni, non hanno sufficienti piste ciclabili e praticano politiche del traffico  fatte su misura delle auto e non delle biciclette, comportando gravi rischi e numerosi incidenti ai cittadini che scelgono i pedali per recarsi al lavoro o a fare spesa. E pensare che la loro scelta è quella più etica, più sostenibile e più responsabile. Una volta letto il libro di Alberto Fiorillo non guarderete più i ciclisti con gli stessi occhi. Proverete un sentimento di stima e rispetto e anche un pochino di invidia. Parola di chi lo ha letto. Titolo: No bici - Autore: Alberto Fiorillo - Prezzo: € 14,00 - Edizioni: Ediciclo Articoli correlati: Brasile: realizzata la “ricicletta”. Bici fatta con bottiglie di plastica Firenze in-bicicletta come Amsterdam e Copenhagen

Libri

Chi pensa che le domande difficili e imbarazzanti dei bambini siano solo quelle sulla loro nascita … beh… si sbaglia di grosso!!! I bambini fanno oramai  domande anche sull’ecologia e... allora? Alzi la mano chi non arrossisce mai e sa dare sempre la risposta giusta! Eh no! Vietato improvvisare se non vogliamo che gli adulti di domani ripetano, contro la natura e le risorse del pianeta, gli stessi errori che stiamo commettendo noi "grandi di oggi" e che i nostri genitori hanno già commesso prima. Questo libro con tanta ironia, testi facili e sintetici, corredati da foto e disegni aiuterà a capire e a spiegare cosa è un ecosistema ed è adattissimo per tutti i bambini che vogliono scoprire l’ecologia e i suoi delicati equilibri. Ma è adatto anche per i genitori che non sanno rispondere a domande del tipo: Come agisce il petrolio sugli animali? Perché la morte dei coralli è una cosa seria? Perché le talpe fanno bene alle coltivazioni? Perché la deforestazione accresce l’effetto serra? Perché il sapone fa andare a fondo le anatre? Siete curiosi di sapere le risposte vero? Ok, vi darò la riposta sulle anatre che vanno a fondo: a contatto con molti detersivi riversati nelle acque di laghi e fiumi le piume delle anatre diventano permeabili, impregnandosi d’acqua. Il pennuto diventa così troppo pesante e annega. Pensateci bene la prossima volta che lavate i piatti con troppo sapone e cercate di sceglierne uno più ecologico. Per le altre domande … dovete andare in libreria ad acquistare il libro!!! Edizioni: Larus - Pagine: 126 - Prezzo: € 7,50

Libri

Sapevate che nel centro storico di Napoli c’è un’isola? No, non mi sbaglio con l’Isola Tiberina di Roma … Non sono così ignorante in geografia. E’ un’isola che non c’è, per dirla alla Peter Pan. Però invece di essere l’Isola dei bimbi sperduti è “L’Isola dei ragazzi”,  una casa editrice che rappresenta una realtà di riferimento nazionale per quanto riguarda la formazione dei giovani. Da oltre dieci anni, l’Isola dei ragazzi segue una linea editoriale indirizzata ai ragazzi, con grande attenzione ai temi d’attualità come ambiente, salute, legalità, arte e spiritualità con la finalità di favorire il dialogo tra giovani e adulti, tra scuola e famiglie. Le pubblicazioni di questa casa editrice partenopea, curate nei contenuti e nella impaginazione grafica, sono caratterizzate da curiosità, originalità e spaziano dalla saggistica alla narrativa fantastica, in un’offerta editoriale completata anche da prodotti multimediali. La casa editrice è impegnata in iniziative di valore sociale e fornisce supporto ad aziende, enti e istituzioni per la realizzazione e la divulgazione di campagne di comunicazione responsabile in ambito socio-sanitario con pubblicazioni tecnico-scientifico e servizi di comunicazione multicanale. In fatto di novità L’Isola dei ragazzi ha sfornato un nuovo episodio di  “Naturalmente Viola”, la serie di romanzi dedicati alle teenagers. “Una gita fantastica” di Claudia Traversa è infatti il nuovo episodio in arrivo in libreria che segue il successo del primo e precedente “La festa di Halloween”.  Protagonista della nuova storia, ispirata ai valori dell’ecologia,  è Viola Desideri, una tredicenne che ama la natura e disegnare alberi utilizzando colori accessi e vivi come le passioni e i sentimenti che si provano alla sua età. Nel libro ricompaiono i personaggi già tanto amati dai lettori alle prese con la quotidianità vissuta tra scuola, amici, famiglia. Ma un giorno Thomas,  il bel “boy-friend” di Viola, annuncia alla protagonista la sua imminente partenza per Madrid, per un viaggio studio di tre mesi.  La notizia non viene ben accolta da Viola. Scossa non solo dalla novità ma anche dall’entusiasmo effervescente e “individualista” di Thomas la ragazza si ritrova senza punti di riferimento e durante una gita scolastica in una riserva naturale, incontra Luk, guida ambientalista del parco. Più fanatico che coscienzioso Luk  ammalia Viola e la coinvolge in un’avventura pericolosa. Thomas, dopo un sofferto arrivederci, parte per Madrid e durante la sua assenza Viola si avvicinerà sempre più pericolosamente a Luk. Tutto sembra andare per il peggio ma a un certo punto accade l’inaspettato. Viola Desideri, personaggio inventato e tratteggiato con maestria dall’autrice Claudia Traversa, è già nota al popolo web con la sua pagina Facebook, con oltre 1.600 utenti, quotidianamente animata con musica, pensieri e news sul mondo della natura, dei ragazzi e della lettura. In accordo con lo spirito e l’impegno  ambientalista del personaggio di Viola, L’isola dei ragazzi ha deciso di stampare tutte le copie di “Naturalmente Viola” su carta ecologica certificata FSC. Un libro da consigliare per aiutare le teen agers a scoprire i valori della Natura e l’importanza di un impegno ecologico e aiutarle a diventa gli adulti di domani ma con stili di vita più eco sostenibili rispetto ad oggi.

Libri

Un viaggio nella storia delle fonti fossili e rinnovabili. Un “click” e l’energia scorre a fiumi nella nostra quotidianità, rendendoci la vita semplice e comoda. Ha radici lontane quel “click”, figlio della curiosità dei nostri avi, dell’ingegno degli scienziati di tutte le epoche, della voglia di progresso dei popoli e, ancor prima, del Sole che ci regala da sempre tutta l’energia di cui abbiamo bisogno. Un “click” che purtroppo non è per tutti e che presto potrebbe diventare difficile perché alla fine di questo secolo le scorte di combustibili fossili saranno pressoché terminate. Cosa possiamo fare? Evitare gli sprechi e sostenere le energie rinnovabili, ricordando che ciò significa anche preservare l’ambiente. Attraverso la storia dell’energia, dalla casuale scoperta del fuoco all’utilizzo del petrolio e del nucleare, il libro affronta un problema di scottante attualità: la ricerca delle energie rinnovabili. Quali sono? Che vantaggi offrono? Riusciremo ad abbandonare i carburanti fossili, che danneggiano l’ambiente e contribuiscono ai cambiamenti climatici, in favore di un’energia pulita? I capitoli sono intervallati dalla sezione In laboratorio, attività facilmente praticabili per seguire la storia non solo da lettori, ma anche da protagonisti (costruire un lumino a olio, accendere una lampadina con una pila fatta in casa, riscaldare l’acqua con l’energia solare, realizzare un rudimentale generatore eolico…). Una lettura chiara e accessibile per conoscere le conquiste scientifiche che hanno rivoluzionato la mentalità e la vita degli uomini. Prefazione di Agostino Re Rebaudengo (presidente di Aper - Associazione produttori energia da fonti rinnovabili), postfazione di Patrizio Roversi. Secondo me è un lbro da leggere!!!   Andrea Vico: giornalista dal 1988, da oltre 15 anni si dedica esclusivamente alla scienza. Ha scritto di ambiente, energia, frontiere della ricerca, nuove tecnologie su Tuttoscienze - La Stampa, Il Sole 24 Ore e Le Scienze. Ha lavorato in Rai (Hit Science per RaiTre) e in radio. Progetta mostre interattive ed è organizzatore di eventi ludo-didattici nell’ambito del Festival della scienza di Genova, del Festival dell’energia e della Notte dei ricercatori. Dal 2005 è impegnato in un progetto internazionale di divulgazione della scienza destinato ai bambini della favela di Salvador (Bahia) e nel 2008 ha fondato l’associazione culturale ScienzaAttiva, di cui è presidente. Fonte: Editoriale Scienza

Libri


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2018 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018